Viaggio a Valencia: road trip tra parchi naturali e sport nella comunità valenciana

Valencia è la città dai molteplici volti. In questa proposta di itinerario, infatti, scoprirete non soltanto il fascino e la vivacità del suo centro storico, un vero e proprio intreccio di arte, cultura, folklore e movida; ma potrete godervi anche la bellezza dei parchi naturali circostanti, che offrono occasione di imperdibili esperienze outdoor, a stretto contatto con la natura.

Il viaggio a Valencia e nella Comunità Valenciana è stato progettato da Carlotta, una delle Travel Expert dell’Academy che ha completato con successo il Master Travel & Destination Expert. Carlotta, dopo aver effettuato un sopralluogo di persona nel mese di gennaio 2022, ha pianificato un bellissimo viaggio outdoor, scopriamolo assieme!

Viaggio a Valencia: la città dai molteplici volti

Valencia, terza città più grande della Spagna dopo Madrid e Barcellona, si snoda, nel suo centro storico, in un variegato comporsi di edifici che ne svelano l’anima vivace e intrigante. Spiccano fra tutti l’imponente Cattedrale, eretta su un’antica moschea, e la Lonja della Seta, che, in stile gotico, era la sede della Borsa della Seta dove un tempo si commerciavano questo prezioso tessuto e molti altri prodotti pregiati, oggi dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Addentrandosi per le viuzze della città, si scoprono il caratteristico mercato Centrale che, costruito a inizio del secolo scorso, è ancora oggi sede del mercato alimentare, e il Barrio del Carmen, il quartiere più antico, un intreccio di stradine strette con diversi locali e ristoranti, cuore della movida valenciana. Imperdibile, anche la Ciudad de las Artes y las Ciencias, la zona più celebre e futurista di Valencia che, su progetto di Santiago Calatrava, ospita un teatro dell’opera, un acquario, un cinema 3D e un museo della Scienza.

Ma Valencia non è solo questo. Dal vecchio letto del fiume Turja sono stati ricavati 9 km di spazi verdi, i famosi Giardini del Turja, che attraversano l’intera città. Non mancano, inoltre, le spiagge e il mare che, a pochi chilometri dal centro, costituiscono un altro punto nevralgico, arricchito dalla stravaganza dell’ex quartier di pescatori El Cabanyal, oggi popolato da molti gitani, molto interessante dal punto di vista architettonico e urbanistico; e del quartiere Russafa, sede di numerose gallerie d’arte, negozietti vintage e gastronomici.

Da non perdere, infine, il Museo Fallero, dedicato alla festa de Las Fallas, tradizione che, celebrata nel mese di marzo, unisce satira, fuoco e divertimento.

I parchi naturali: natura incontaminata a pochi chilometri dalla città

La regione di Valencia e Murcia è ricca di parchi naturali (circa una ventina), alcuni anche vicini a grandi città, come il Parco Naturale dell’Albufera, a pochi chilometri a Valencia. Gli amanti dell’outdoor rimarranno estasiati dalla varietà di attività che vi si possono svolgere, a stretto contatto con la natura: dai trekking di uno o più giorni, al canyoning, rafting e kayak lungo i fiumi; alle vie ferrate, fino ai percorsi di arrampicata su pareti rocciose mozzafiato.

Molto suggestivo è il parco Naturale de Las Hoces del Cabriel, che prende il nome dal fiume Cabriel, tra i primi 5 più limpidi d’Europa. Con la sua superficie di 31.446 ettari, il parco costituisce un confine naturale tra le comunità di Valencia e di Castilla la Mancha ma soprattutto è, dal 2019, Riserva della Biosfera: nelle acque del fiume Cabriel sono presenti stromatoliti fossili risalenti a miliardi di anni fa! Anche le sue caratteristiche geologiche lo rendono molto particolare: al suo interno è presente un canyon naturale e in alcune aree le rocce presentano forme particolari a lame di coltelli (Los Cuchillos). Non mancano, infine, i più diffusi vigneti da cui si producono gustosi vini rossi locali, come il Bobal.

viaggio in spagna a valencia

A tavola nella Comunità Valenciana; la paella!

Il riso è l’ingrediente base per molti piatti della tradizione. Cucinato più o meno asciutto dà origine a numerosi piatti tipici della regione valenciana come l’arroz, piatti di riso caldoso (zuppa) o melloso (brodo), ma soprattutto la paella.

Nata nella zona dell’Albufera (“piccolo mare”), la laguna di acqua dolce più grande della Spagna, ricca di risaie, a differenza di quanto siamo soliti pensare la vera paella valenciana non è a base di pesce ma di carne (pollo, coniglio e anatra), verdure (fagiolini e peperoni) e lumache (non sempre aggiunte in quanto non a tutti piacciono). Da qui sono nate numerose varianti che spesso seguono la stagionalità degli ingredienti adoperati: dalla paella de mariscos, a base di pesce, a quella mista (carne e pesce) ad ancora quella di sole verdure, ad altre più ricercate e particolari come la paella con il riso nero o quelle a base di astice o anguilla. In quanto piatto tipico della tradizione valenciana, dagli autoctoni la paella è considerata il “pranzo della domenica”, momento di aggregazione in famiglia o con amici. Da sottolineare il fatto che gli spagnoli siano soliti mangiare la paella a pranzo, appunto, e non a cena, servizio proposto solo da alcuni ristoranti per i turisti.

Per chi non ama il riso, la tradizione offre la Fideuà, un piatto a base di pasta spezzata (spaghetti fini), servito spesso nelle stesse varianti della paella.

paella valenciana

Insomma, non vi resta che godere tutte le meraviglie di questa bellissima regione con il bellissimo viaggio a Valencia e nella Comunità Valenciana, cliccate sul link sotto la descrizione di Carlotta!

Carlotta Franceschi: Digital Travel Expert per questo viaggio

Dai primi anni di vita Carlotta inizia a viaggiare con i suoi genitori e sin dalle prime gite scolastiche coglie che la sua immancabile compagna di avventura è la sua macchina fotografica. Carlotta ama infatti coniugare i suoi viaggi ai suoi scatti per raccontare la bellezza del viaggio, degli incontri e dei paesaggi e per cogliere quegli istanti che anche con il passare del tempo genereranno sempre emozioni e ricordi.
Nel corso degli anni Carlotta capisce che più viaggia, più cresce e si arricchisce, cogliendo la ricchezza della diversità. Ama il brivido dell’avventura, esplorare posti nuovi, scoprire e conoscere nuove culture e godersi il viaggio in ogni sua fase, sin dai primi abbozzi, perdendosi nella lettura di guide e racconti di viaggio. È arrivato così il momento per Carlotta di coltivare questa sua passione con occhi diversi, addentrandosi nel mondo del turismo con competenza e professionalità senza mai perdere di vista la sua spontanea curiosità e meraviglia per l’altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.